favola bambini favole
  • info@cleopa.it

La Mamma di Manna

La Mamma di Manna

La Mamma di Manna

Ti dissi rendimi viva, e tu dicesti cammina il sentiero sino al pozzo nero e li disseta la tua sete. Io giunsi al pozzo e nel guardare le sue buie profondità, non scorsi acqua ma senza secchio come avrei confermato quel che credevo d’aver visto?

Attorno non c’erano mezzi per attingere quel che mi avrebbe dissetata, decisi che non vi sarei scesa era tanto più grande di me l’impresa, ma ero stanca e confusa e decisi che sarei rimasta a riposare a lungo presso quella fonte irraggiunta.

Mi venne incontro un piccolo d’uomo e chiese acqua per se, riguardai il buio abisso e il coraggio giunse ad animarmi il cuore:

Piccolo aspetta scendo a prenderla!

Dissi con una decisione tale da sbalordire anche me.

Mi calai negli abissi per cercare la fonte che disseta, e nello scendere in basso sempre più in basso trovai il nulla, ma alimentai a dismisura la mia voglia di risposte e il pensiero divenne definito e non più annebbiato come sempre lo era stato.

“Se non comprendi alla perfezione di cosa necessiti , non potrai mai trovare quel ti occorre, nella mancanza la danza che ti renderà la coscienza di decidere all’evenienza, con piena presenza e perseveranza.”

Risalì il pozzo con in mano un pugno di mosche, e quando rividi il piccolo che attendeva speranzoso il cuore mi si strinse in una morsa, come lo avrei dissetato se non avevo niente per lui.

Lo presi in braccio, pesava tanto ma non sapeva camminare e lo portai con me, mentre perlustravo la zona alla ricerca di qualcosa per dissetarci, e il passo si faceva sempre più stanco ci guardammo attorno cogliemmo fiori, cantammo amori e trovammo tanti tesori, il piccolo crebbe, e quando io non seppi più camminare fu lui a prendermi in braccio e a continuare il sentiero che avevo iniziato.

“Mamma un giorno cercammo insieme acqua e trovammo fiumi d’oro, se tu non avessi camminato sarei cresciuto nei pressi di quel pozzo nero, invece tu per amore scendesti, vedesti e tornasti per portarmi avanti nei passi.”

Una mamma è l’inizio di ogni cosa, ma che non resti mai solo e semplicemente l’inizio, una mamma deve essere il sentiero maestro che non impone la sua via ma che semplicemente diffonde la luce dell’esempio, una mamma e manna quando se stessa non inganna.

Il piccolo uomo solido ormai sui suoi passi, portò la mamma in braccio sino a quando il suo peso non fu più peso e il suo cuore leggero volò alto nel cuore eterno del mondo.

Una mamma è manna se non si inganna.

Cleonice Parisi

Invia il messaggio