favola bambini favole
  • info@cleopa.it

Il Cuore Spoglio che si vestì d’Orgoglio – La favola dello Scoglio

Il Cuore Spoglio che si vestì d’Orgoglio – La favola dello Scoglio

cuorespoglio

Il Cuore Spoglio che si vestì d’Orgoglio

Un Cuore Spoglio che per se non nutriva Orgoglio, portava con cordoglio il suo vuoto portafoglio. Ad ogni scoglio cadeva affranto, piegato ed infranto quasi a voler delle sue lacrime farsi un vanto. Cadde dal cielo un altro scoglio a portar cordoglio a quel Cuore Spoglio, e le sue lacrime di dolore arrivaron sino al Protettore di tutte le ore.

Cuore Spoglio, il tuo cordoglio non VOGLIO!

Disse il Protettore.

Ti imploro…

Disse il Cuore Spoglio.

Porta lontano da me questo cordoglio neanche io lo voglio, ma ad ogni passo io trovo sconquasso, e per ogni fare io troppo mi debbo affannare. Dal cielo cadon massi ti prego toglili, fa che io passi!!!

Cuore Spoglio il tuo cordoglio non Voglio,  vestiti d’Orgoglio tu della Vita sei un nobile Figlio, e per questo toglier il masso non posso!

Non capisco del mio dolor non ti rattristi, ma tu ESISTI? O della mia mente, sei la creazione fervente? Tu sei il Protettore di un bel niente!

Disse il Cuore Spoglio in preda al suo profondo cordoglio.

Il tuo esister appartiene a te solamente, io non posso farci niente, in ciò sei tu il solo Potente che può far della sua Vita tutto o niente!

Disse il Protettore.

Il Cuore Spoglio, cancellò in niente il Protettore dalla sua mente, superò con dolore il masso e il suo  povero cuore di nuovo subì l’empasso. Altri massi caddero dal cielo ad ostacolargli i passi, e il Cuore Spoglio si vestì d’ Orgoglio, perché nel camminar con sofferenza e nel superar l’empasso, sentì che  ad ogni passo era più vicino a se stesso. E quando di se stesso divenne il messo, dal cielo non cadde più alcun masso e il Protettore di tutte le ore divenne per quel Cuore il solo cantore.

Fu così che quel Cuore Spoglio si vestì d’Orgoglio e attraversò la vita vincendo la partita.

“Si orgoglioso del tuo esser della Vita sposo,
e condurrai i passi laddove non cadono massi.”

Cleonice Parisi

Invia il messaggio