favola bambini favole
  • info@cleopa.it

La preziosità incommensurabile

La preziosità incommensurabile

 

La preziosità incommensurabile

Cogli la preziosità incommensurabile di un istante,
l’oggi è già prezioso
non è nell’incertezza del domani la sua corona,
l’oggi è già sovrano riconoscilo tale.

Il nostro tempo,
inestimabile tesoro
nelle mani di un vento inquieto,
al collo del più feroce dei draghi;

Cogli la preziosità indefinibile di un momento,
l’oggi è già prezioso
non farlo fluire nella sacca del tempo
senza tributargli il tuo applauso,
non è nel ricorrere il domani
che avrai colto la vita a piene mani;

Il nostro tempo,
inestimabile tesoro
nelle mani di un vento inquieto,
al collo del più feroce dei draghi;

Cogli l’unicità di un attimo
e attimo dopo attimo
avrai reso la tua vita Unica.

Il nostro tempo sovrano
incatenato alla paura di vivere
rimpiangerai il passato
rincorrerai il futuro
pur di non riconoscerti nell’oggi.

Cogli l’attimo,
è nel suo cuore il tesoro che renderà la tua vita unica;

Guarderai negli occhi del tuo drago
e nel riconoscere la sua umanità
avrai colto il tuo tempo.

Cleonice Parisi

9 pensieri su “La preziosità incommensurabile

Candido AuteroPubblicato in data7:55 pm - Mar 14, 2009

MERAVIGLIOSA POESIA !!! AL COSPETTO DI COTANTA BELLEZZA NEL CONTENUTO DELLE DELLE SUE PAROLE SI RIMANE MUTI, IN CATALESSI,SICCOME’ NON ESISTONO PAROLE AL MONDO PER POTERLA DECANTARE ( COMMENTARE ) ALLORA IO INCAPACE DI OGNI ESPRESSIONE… GODO NEL SILENZIO PIU’PROFONDO,CULLANDOMI NELLA DOLCE MUSICA DELL’ANIMA PUR NELLA PREZIOSITA’ INCOMMENSURABILE DEL TEMPO.
BY CANDIDO AUTERO // ALIAS CARAVAGGGGIO PITTORE ARTISTICO IN S. GIORGIO A CREMANO NAPOLI ( ITALY )

CleopaPubblicato in data9:02 pm - Mar 15, 2009

Grazie Candido ma tu sei troppo buono, ti prego ridimensiona i messaggi :)))

Candido AuteroPubblicato in data7:52 pm - Mar 16, 2009

MI DISPIACE CLEO’, SONO DOLENTE. NON SI POSSONO RIDIMENSIONARE I MESSAGGI AL COSPETTO DI COTANTA BELTA’AL QUALE SI RIMANE INCANTATI DI FRONTE AD’ESSA NON SI PUOTE!!! AETERNUM FORTUNA SPIRAS.. AETERNUM FORTUNA VIGES… ET… ULTRAQUE FOTUNA INSIGIS ET VIRTUTE SEMPER IN LOCUS IST. BY CANDIDO AUTERO ALIAS CARAVAGGGGIO NEAPOLIS( ITALIA )

CleopaPubblicato in data5:27 pm - Mar 19, 2009

Hai ragione Candido è un pezzo di diamantone :))))) anche io non mi potrei ridimensionare se dovessi iniziare a parlarne …

…se poi ti rivolgevi al mio dire, non posso altro che ringraziarti…però resto della mia opinione di sopra…troppo generoso.

Candido AuteroPubblicato in data7:46 pm - Mar 19, 2009

LA GENEROSITA’ FA PARTE DEL MIO CARATTERE.
COME DICEVA UN MIO CARISSIMO E VECCHISSIMO AMICO VISSUTO NEL 1260 CHE LA VERA RICCHEZZA E’ QUANDO UNO DA !! NON QUANDO RICEVE.L’AMICO IN QUESTIONE SI CHIAMAVA FERDINANDO DA LISBONA, POI PRESE I VOTI FACENDOSI FRATE E GLI FU DATO IL NOME DI ANTONIO, SE TI VA DI ANDARLO A TROVARE STA A PADOVA, IO CI SONO STATO, NON TI DICO QUANTE VOLTE MA…CI SONO STATO.CANDIDO AUTERO /// ALIAS CARAVAGGGGIO.

CleopaPubblicato in data7:58 pm - Mar 19, 2009

Mi ha ricordato un pezzo che scrissi tanto tempo fa se lo trovo lo pubblico 🙂

CleopaPubblicato in data7:58 pm - Mar 19, 2009

E’ nella semina il tuo primo raccolto

Nel seminare amore invero avrai già raccolto.

Quando nel raccogliere dalla tua semina,

avrai consolidato la certezza d’aver ben seminato,

capirai che la vera ricchezza

non era nel raccolto,

ma nella buona semina.

Quando stringerai tra le mani il frutto di un sogno realizzato,

avrai consolidato la certezza

che era nel sognar la tua vera ricchezza

e non nel tuo consolidar speranze.

La gioia vera non nel passo raggiunto

ma nel passo che avrai intrapreso per raggiungerla.

Quando giungerai al tuo luogo

riconoscerai nel cammino compiuto

la tua prima ricompensa.

E’ nel seminare che prima raccogli

ma è nel raccogliere

che lo comprenderai.

Nel seminare odio,

avrai già mangiato del tuo dolore

e nel raccogliere dalla tua semina

alimenterai altra semina,

è questo il veleno che incancrenizza il vivere.

Ferma il circolo vizioso dell’odio,

prima che ti inghiottisca nel suo abisso.

Nel seminare odio alimenterai solo il tuo dolore.

Ricorda è nella semina il tuo primo raccolto, semina bene.

Candido AuteroPubblicato in data11:21 pm - Mar 19, 2009

RICONOSCO CON UMILTA’A VOLTE DI AVERE UN CARATTERE UN PO INSTABILE MA CREDO DI ESSERE BUONO E SENSIBILE POICHE’ NON HO NEMICI E NON NUTRO ODIO PER NESSUNO HO IMPARATO A PERDONARE PERCHE’ HO SEMPRE SEMINATO AMORE, A VOLTE PAGANDO UN PREZZO MOLTO ALTO. L’AMORE CHIEDE SEMPRE UN PREZZO ALTISSIMO !!! FATTO DI IMMENSI SACRIFICI SE E’ NECESSARIO ANCHE CON LA VITA !! QUANTI EROI MUOIONO SUL TABERNACOLO DEL SACRIFICIO E DEL SILENZIO NELL’INMENSITA’ DEL BUIO DELLA NOTTE E LO FANNO SEMPLICEMENTE PER AMORE DEL PROSSIMO. PER AMORE ABBANDONANO LE LORO FAMIGLIE ANDANDO IN MISSIONE CHISSA’ DOVE AIUTANDO I LORO FRATELLI IN CRISTO VIVENDO NELLA POVERTA’PIU’ NERA E SQUALLIDA DEL TERZO MONDO. LADDOVE LA VIOLENZA E LA GUERRA UCCIDONO I FIORI,ESSI LO FANNO SEMPLICEMENTE PER AMORE Ricorda è nella semina il tuo primo raccolto, semina bene.SEMINARE IL BENE COSTA MOLTO CARO E MOLTA FATICA E SUDORE AMICA MIA SULLA MIA PELLE HO VISSUTO QUESTA ESPERIENZA, MA NE VALE LA PENA.
CANDIDO AUTERO /// ALIAS CARAVAGGGGIO.
P.S. BELLA POESIA COMPLIMENTI VIVISSIMI.

CleopaPubblicato in data7:20 am - Mar 20, 2009

Caro Candido…come “adulti” le intemperanze non ci sono più concesse (ancorpiù se le riconosciamo tali nel nostro tracciato personale).

PERDONARSI è NECESSARIO…

ma per amare il prossimo tuo dovrai aver amato prima te stesso, non si può dare niente a nessuno se non si possiede “qualcosa”…e noi tutti possediamo (quando c’è ne accorgiamo) un immenso tesoro custodito nel nostro cuore, ma per aprire questo forziere abbiamo bisogno di una chiave magica, si chiama STIMA, si dobbiamo avere stima di noi stessi come persone…

Le nostre instabilità vanno ridimensionate alla luce della bontà del cuore, la vita è Maestra una maestra che non sempre perdona…seguiamo i flussi dei suoi venti, e con “umiltà” come tu dici plasmiamoci “diversi”…noi possiamo cambiare ciò che deve essere cambiato il nostro “caratterino”…

NON è VERO CHE CHI NASCE QUADRO NON PUO’ MORIRE TONDO

“E nel concludere, quel vecchio adagio che di frequente si ascolta, chi nasce quadro non può morire tondo, deve invece trovare la sua eccezione, laddove è insita la capacità di introspezione. Il vecchio quadro per secoli e secoli si era crogiolato nelle sue finte certezze, crollate miseramente nello spazio di un secondo. Quel grosso trauma lo cambiò, non solo nella cornice, ma cosa ancora più importante nel cuore, e da quel giorno ciò che era quadro divenne tondo.”

brano tratto da:

http://www.cleopa.it/2008/12/05/chi-nasce-quadro-non-puo-morire-tondo-favola/

Invia il messaggio